Nato settimino, suonava l’ottavino, beveva nonino.

Aveva grandi sogni e grandi ambizioni. Finì terzino nella squadra dei secondini.