Vado in un negozio di sanitari per acquistare per una persona anziana un pratico rialzo wc con fissaggi laterali.

Al momento di pagare, la commessa, gentile, mi dice che posso scaricare la spesa, ma poi fa una faccia stupita guardando il computer e mi dice che mi fa gentilmente uno sconto perché si è accorta che il pratico rialzo wc con fissaggi laterali è aumentato. Mi dice anche, sempre gentile la commessa, che ultimamente non solo il pratico rialzo wc con fissaggi laterali ma anche tanti altri articoli sanitari come i cinti erniari o altre cose per gli anziani e i malati sono passati da un Iva al 4 per cento ad un’Iva al 22 per cento. E allora, uscendo dal negozio, ho pensato che spero che qualcuno mi dica che non è vero quello che ho pensato io uscendo dal negozio con sottobraccio il pratico rialzo wc con i fissaggi laterali. Che io avrei pensato, sicuramente sbagliandomi, che oggi in pratica la politica economica moderata e moderna si fa molto su robe come l’Iva sui cinti erniari e sui pratici rialzi wc coi supporti laterali. E ho anche pensato che è un peccato, perché a me piacerebbe essere un bravo sostenitore del sole dell’avvenire moderato moderno e poter andare in giro tutto moderato e moderno a dire che la Grecia è irresponsabile e che ha politici irresponsabili che hanno fatto scelte irresponsabili e non moderate e moderne. E chissà quante altre cose così potrei andare in giro a dire, moderato e moderno anch’io, sarebbe una soddisfazione proprio.

Intanto, come prima cosa, c’è da dire che la Grecia non ce l’ha mica una storia d’amore bella da raccontare come quella tra la Hunziker e il Trussardi. E questo è il primo fatto.

E poi la Grecia non c’ha neanche il Festival di Sanremo. E per dire, poi, quanti programmi tv su fatti di cronaca nera avrà ‘sta Grecia? Non quanti noi. E la cultura? Voglio proprio vedere se la Grecia ci batte come vendite di libri di ricette. E poi questa Grecia, diciamocelo, ce le ha lei tre delle più potenti mafie del mondo sul suo territorio? Ce li ha i politici con tante tv o quelli che vanno sempre dall’estetista? Ma scherziamo o cosa a fare paragoni?! E vuoi mettere tutti quelle divinità vecchie e il Partenone che gli cade in pezzi? Non ce l’ha mica il Vaticano, la Grecia! La Grecia ce l’ha forse tutto il nostro poderoso assetto industriale di aziende che delocalizzano? Ce li ha i nostri teatri moderni, editori moderni, giornali moderni, ospizi moderni, infrastrutture moderne, scuole moderne? Ce l’ha la Grecia il territorio in sicurezza? E diciamo pure che loro avranno avuto anche i colonnelli, sì, ma il fascismo, cari miei amici greci, l’abbiamo inventato noi! Eh, sì! Continuate pure a menarvela con ‘sta roba vecchia della culla della democrazia…E poi voglio proprio vederla questa Grecia se ci batte quanto a apparati burocratici, poteri occulti etc. etc. Per non parlare poi del calcio. Che stia calmina ‘sta Grecia.

Alcuni sono preoccupati per la nuova legge elettorale.

Anche Italicum, secondo me, non è il nome migliore per una legge. E’ un po’ come chiamare la propria figlia Messalina, una linea di barche Titanic o Al Capone un’associazione no profit.

Se proprio vuoi andare su questa linea, allora esagera. Ecco alcuni altri possibili nomi:

-Legge del Martedì Grasso

-Waterloo

– Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace

-Fatta la legge gabbato lo santo

-L’inferno di cristallo

-Scherzi a parte

-Porcellissimum

-Dio vede dio provvede

-Caporetto

-Prendi i soldi e scappa

-Bicamerata

-Basta con l’ideologie e l’ora dell’aperitivo

 

 

 

Volevo scriver una canzonetta tutta quanta sull’amore/ che facesse grandi rime con cose come fiore e cuore/ma ogni volta che mettevo insieme le parole/ mi venivan fuori cose come raffreddore o estintore/ Non son portato /per le canzoni d’amor

Stavo lì ogni giorno almeno sei o sette ore/ a provare a collegare/ l’amore eterno al cavolfiore/ Alle volte ancora peggio c’era qualche alligatore/ e una volta è spuntato anche un soave eiaculatore/ non son portato/ per le canzoni d’amor

Non lo so se per Sanremo/ le mie rime saran buone/se il fragore del trattore è abbastanza di spessore/ se magari il frullatore, il mungitore o il vogatore/posson andare come rime con fetore o crepacuore/ non son proprio portato/ per le canzoni d’amor

In edicola ci son sempre ‘ste dispense coi soldatini. Tipo “Truppe d’assalto della Prima Guerra Mondiale”, “Eroici soldati della Wermacht” e altre robe così.

Non ho mai capito perché nascondiamo le riviste con le donne nude in copertina e gente che mitraglia il prossimo o gli lancia una granata sta in bella vista, a portata di bambino. Non dico di proporgli dei nuovi soldatini educativi, tipo : “Fanteria soffocata dai gas”. Oppure: “Cavalleria falcidiata dalle mitragliatrici” o anche: “Soldato morto in Russia mentre il Duce stava a casa a trombare”. Chiaro, non è bello regalare a un ragazzino dei soldatini con un femore di fuori solo per insegnargli cos’è la storia e fargli passare la voglia della guerra…

(Questo è solo l’inizio di un pezzo satirico che negli anni ’70, ’80 o anche primi ’90 sarebbe stato capito meglio. Da quando la guerra si vede bella in grande in una tv al plasma, sul divano, tra un talent e l’altro e tu puoi fare il tifo tipo calcio, non ha più senso farli ‘sti pezzi, non li capisce più nessuno. Son fuori moda, capisco benissimo, disturbano).

Buongiorno vorrei delle idee che piacciano un po’ a tutti.

Lei è ambidestro?
Sì.
Provi queste, allora.
Be’, sembrano comode.
Comodità e portabilità sono le loro caratteristiche. E si abbinano con tutto. Inflazione, disoccupazione… Sono un classico, diciamo.
Eh, col classico non si sbaglia mai.
Certo. Inutile cercare cose nuove o originali se poi durano quel che durano.
Non vorrei mi battessero in punta.
Solo in caso di precipitose fughe all’estero.
Comunque anche dopo anni tornano sempre di moda, vero?
Certo. E’ tutto ciclico nel nostro campo.
Bene, le prendo.

Il Vecchio: Ci rivediamo. Ora che i Jedi sono praticamente estinti e tu sei stato sedotto dalla parte tetra e oscura della Forza.
Il Giovane: Sapevo che l’avresti detto vecchio pazzo.
Il Vecchio: Chi è più pazzo? Il pazzo o il pazzo che lo segue?
Il Giovane: Non ti seguo, ti precedo! Ora il cerchio è completo. Quando ti ho lasciato non ero che un discepolo, ora sono io il maestro.
Il Vecchio: Ricordi cosa ti avevo detto? Abbattimi e diventerò più potente di quanto tu possa immaginare.
Il Giovane: I tuoi poteri sono deboli, vecchio. E ora dimmi di mio padre.
Il Vecchio: Uffa… E’ sempre la solita storia. Un giovane Jedi aiuta l’Impero a dare la caccia ai cavalieri Jedi e a distruggerli, poi viene sedotto dalla parte tetra oscura della Forza e alla fine, senti un po’, vorrebbe anche uccidere il suo babbo…
Il Giovane: Oh, no! Papi!!!

Un oroscopo molto particolareggiato che ci racconta per filo e per segno quello che le stelle hanno in serbo per tutti noi. Purtroppo il 2015 sarà un anno nefasto e movimentato per tutti i segni, chi più chi meno, chi meno meno.

ARIETE
In arrivo grandi novità per tutti gli arieti a cui piace attraversare la strada senza guardare. Marte indica che nel 2015 smetterete di fumare, ma prenderete il vizio del gioco. A giugno vostra suocera sposerà Cristiano Ronaldo. Questo è l’anno in cui si compiranno i vostri desideri sia in campo sentimentale che in quello delle semplici ammucchiate tra amici.
TORO
In novembre, per ridere con vostro figlio, tirerete un sasso contro la finestra di una casa disabitata. Purtroppo la casa non sarà disabitata ma abitata da Mike Tyson. Salute così così. Finanze così così. Amore così così. Lavoro così così. Benissimo le malattie tropicali.
GEMELLI
A marzo parteciperete a un talent show per vittime di incidenti domestici. A maggio incontrerete la donna della vostra vita che però vi darà un numero di telefono sbagliato. Voi chiamerete e vi risponderà un rivenditore di Kebab di Ankara. Andrete a Ankara a trascorrere le vacanze e lì rivedrete la donna, che fa l’entraineuse in un night club dove vi fregheranno il cappotto al guardaroba. Da ottobre a dicembre rimarrete chiusi in un autolavaggio, ma ciò non vi toglierà la voglia di credere in un futuro migliore.

CANCRO
Primavera-estate intensa. In aprile vi ubriacherete e tornando a casa entrerete da Upim dove ruberete un reggiseno. Il mattino dopo vi risveglierete con i postumi della sbronza a in una prigione federale. Bene le finanze. Andateci piano con l’Amaretto di Saronno e con il crack.

LEONE
Il 10 agosto vi alzerete tardi, chiamerete un vostro amico pittore per andare a pranzo a casa sua. Lui vi cucinerà delle polpette e poi vi proporrà di farvi fare un ritratto nudi con le polpette avanzate. Alle cinque lo saluterete e andrete al bar, dove incontrerete un vostro amico fotografo che vi proporrà di farvi fare un ritratto nudi con la birra. Voi accetterete, ma i clienti del bar non la prenderanno bene e chiameranno il Ku Klux Klan. Il Ku Klux Klan arriverà al galoppo e pianterà delle croci infuocate fuori dal bar. Per fortuna, mentre stanno entrando nel bar per picchiarvi, gli uomini del Ku Klux Klan riceveranno un’altra chiamata e se ne andranno in tutta fretta.

VERGINE
Il 15 aprile vi addormenterete in poltrona e vi risveglierete il primo maggio. Andrete al corteo dei lavoratori ma i lavoratori vi diranno: -Va via tu, che è sedici giorni che dormi e non lavori-. A ottobre forse un figlio con Gianna Nannini.

BILANCIA
Nel nuovo anno andrete a vedere gli Open d’Australia di tennis e sarete colpiti in fronte da una palla di servizio di Djokovic. Al risveglio vi ritroverete legati sulla schiena di un canguro. Bene tutto il resto dell’anno, a parte che per tutto il 2015 indosserete sempre gli stessi jeans attillati e vi verrà una dermatite da contatto bruttissima. Capodanno a Vienna con Lorin Maazel.

SCORPIONE
Nel 2015 riceverete ogni giorno un inaspettato invito a cena a ora di pranzo da Tiziana Barale. A novembre comprerete uno scooter di seconda mano da Tiziano Ferro. In aprile vostra madre diventa Are Krishna. A maggio il vostro gatto esplode. In giugno vi entra in casa dal muro il braccio di una gru. Un coccodrillo nell’armadio a luglio.

SAGITTARIO
Le stelle ci dicono che quest’anno tutti i capricorni nati nella seconda decade andranno ad abitare a Dusseldorf. In marzo noie in famiglia per i nati nella prima decade perché l’astronauta Samantha Cristoforetti manderà dallo spazio una foto del Friuli Venezia-Giulia in cui li si vede distesi in un bosco con una donna che non è la moglie.

CAPRICORNO
Niente escursioni: quest’anno Saturno vi sconsiglia vivamente di cadere nei dirupi. A settembre andrete dal cardiologo che vi mostrerà degli esercizi aerobici da fare a casa e verrà sorpreso da un arresto cardiaco. A ottobre vi salta un’otturazione sulle scale mentre molestate il postino. Fate attività fisica moderata, ad esempio appendere vecchi poster di Lori del Santo nelle canoniche.

ACQUARIO
Tutti gli acquari parteciperanno quest’anno alle selezioni di X Factor come gruppo musicale più numeroso. Per l’Acquario il 2015 è l’anno dei grandi cambiamenti di vita ma anche di sesso. Attenzione a luglio, che potrebbe riservare delle spiacevoli sorprese a tutti i nati nel segno cui piace confezionare esplosivi in garage. A settembre, un pomeriggio verrete attirati da uno strano suono proveniente dalla cantina e verrete dilaniati da un mostro infernale. Meglio il resto dell’anno.

PESCI
In campo professionale il passaggio di Saturno vi indica via libera verso la mensa della Caritas. Evitate gli squali bianchi e le tigri libere. Mangiate solo bistecche ai ferri per avere una salute di ferro. Amore ai ferri corti.